“Chi mi ha fatto le carte mi ha chiamato vincente

Ma uno zingaro è un trucco

E un futuro invadente, fossi stato un po’ più giovane

L’avrei distrutto con la fantasia

L’avrei stracciato con la fantasia”

La canzone “Rimmel” è stata pubblicata nel 1975, nell’omonimo album di Francesco de Gregori, è una canzone d’amore, ma diversa da tutte le altre: la novità rivoluzionaria (almeno per quei tempi) è che narra la fine di una storia d’amore.

Il titolo della canzone proviene dal cosmetico che usano le donne per allungare ed annerire le ciglia. Suggerisce proprio ciò di cui si parla: un trucco, un qualcosa di forzato, artificiale, che nasconde una verità inopportuna, non gradita.

“Chi Mi Ha Fatto le Carte” Ecco che le carte entrano in gioco..il nostro destino la nostra vita e’ un po’ come un gioco di carte , per vincere ci va fortuna abilita’ e la capacita’ di evitare i bari e gli zingari che ti predicono il futuro che pero’ e’ sempre una truffa.

 

The song “Rimmel” was released in 1975, in the album of Francesco de Gregori, is a love song, but different from all others: the revolutionary novelty (at least for those times) is that tells the end of a love story.

The title of the song comes from cosmetics that use women to stretch and nourish the lashes. It suggests exactly what is being said: a trick, something forced, artificial, that hides an unsuitable truth, not welcome.

Here are the cards coming into play. Our destiny is our life a bit like a game of cards, to win there is lucky skill and the ability to avoid the bari and gypsies that predict the future that But it’s always a scam.

 

https://www.youtube.com/watch?v=Ydo-yfPze30

916total visits,5visits today